Cosa si controlla durante la revisione?

. La revisione periodica serve per controllare l'efficienza di tutti quei dispositivi che sono indispensabili per la sicurezza, per non creare situazioni di pericolo nè per sè nè per gli altri. Ho pensato di scrivere una check list in modo che l'utente possa fare un controllo sommario alla sua vettura prima di effettuare la revisione. La procedura ideale sarebbe quella di portare il veicolo dal proprio meccanico di fiducia in modo che possa controllarlo meglio, però aumenta il numero delle persone che portano l'auto senza averla prima controllata. Questa guida come vedremo in seguito non sostituisce l'officina perchè la competenza del meccanico e le attrezzature per il controllo che trovate lì non si possono trovare per strada, ma evita di andare "all'avventura" senza sapere che cosa si stia facendo. Procederemo come se si trattasse di una vera revisione con le varie stazioni di controllo e alla fine della stazione faremo una check list per vedere se la vostra automobile avrebbe superato il test.

Revisione

La procedura di revisione si apre con il controllo dei documenti del veicolo, quest'operazione serve per controllare che non ci siano leasing o finanziamenti scaduti link1. , o con il passaggio di proprietà non ancora effettuato. Infatti non si può effettuare la revisione se non si è provveduto all'aggiornamento del libretto. Il controllo dei documenti continua con l'accertamento che non vi siano impianto a gas o metano link22., gancio di traino o accessori vari non registrati sul libretto, si controlla la data di scadenza e il numero di matricola delle bombole gpl o metano link3. stampigliate sul libretto di circolazione e sulle bombole stesse. Le bombole GPL scadono dopo 10 anni e non possono essere riutilizzate, mentre quelle del metano vanno ripunzonate. Questa operazione ha una scadenza quinquennale, la vettura deve essere dotata di cartellino plastificato della Gestione Fondo Bombole Metano, questo cartellino è posto di norma nel vano motore, vi sono annotate data di scadenza, numero di matricola bombole, targa della vettura e timbro dell'istallatore. Se la vettura è dotata di impianto a metano montato di serie, il cartellino è posto nello sportellino carburanti. Si continua controllando che i pneumatici non siano usurati, che siano almeno dello stesso tipo sullo stesso asse e siano della misura annotata sul libretto, il controllo finisce con la verifica del numero di telaio dell'autovettura.

Aggiornamento 3/12/08

Mi sono dimenticato di scrivere che: se l'auto è provvisto di carrello appendice (carrello per barche o per trasporto merci), il carrello và portato a revisione con l'autovettura. Accertarsi che sia in ordine e che tutte le luci funzionino, aggiungo gli schemi elettrici dei collegamenti della presa elettrica del carrello.

Schema 7 poli  apri immagine.

Schema 13 poli  Apri immagine 1

 

Check list

Aprite il libretto di circolazione e controllate:

  • Avete un leasing scaduto? Se la risposta è si, avete fatto l'aggiornamento del libretto con il passaggio di proprietà? Controlla il libretto d'esempio link4., in questo caso il proprietario ha estinto il leasing prima della scadenza ed ha effettuato il passaggio, altrimenti si doveva fare dopo il 03/12/2004 (come indicato dalla linea rossa).
  • Avete l'impianto a GPL o Metano? Controllate la data di scadenza sulla bombola link17. e il numero di matricola con quella scritta sul libretto di circolazione, vedi il libretto d'esempio link5..
  • Controllate il numero di telaio della vettura con quella del libretto di circolazione,la stampigliatura deve essere identica a quanto scritto sul libretto e deve essere leggibile senza corrosione o ruggine, il numero di telaio è segnato sul riquadro 1 nel caso dei vecchi libretti link6. oppure nel riquadro 2 nel caso dei nuovi libretti link7. .
  • Controllate che i pneumatici non siano usurati (le tacche di riferimento dell'usura link11. indicano il livello minimo), che il tipo di pneumatico siano uguale almeno sullo stesso asse e che i numeri delle misure dei pneumatici siano gli stessi riportati sul libretto, anche qua nel caso dei vecchi libretti link8. la misura dei pneumatici è sul riquadro 2, nel caso dei nuovi libretti link9. le misure sono riportate nel riquadro 3.

Revisione

E' arrivato il momento di inserire i dati del veicolo nel computer del sistema, ma non prima di aver compilato la dichiarazione di consenso per il trattamento dei dati personali o la delega se non si è il proprietario dell'auto (scarica i moduli in fondo alla pagina).Da ora in avanti tutte le prove effettuate verranno registrate su un pc-stazione tramite strumenti collegati con un cavo seriale, il pc-stazione controllerà che tutte le prove siano effettuate correttamente. Prima di incominciare le prove strumentali verranno controllati che non ci siano pezzi di carrozzeria gravemente danneggiate, paraurti rotti, parabrezza rotto, corrosione passante, parti di carrozzeria taglienti o fortemente ammaccate, che gli specchi retrovisori esterni siano integri, che le plastiche dei fanali posteriori non siano rotti o opacizzate, le luci di direzione, le luci di arresto, le luci targa, le luci anteriori di posizione, anabbaglianti e abbaglianti, il funzionamento dei tergicristalli e lo stato delle spazzole tergicristallo.

Check list

  • Controllate che non ci siano paraurti rotti o piegati in modo che non possano svolgere il loro compito di attutire gli urti.
  • Controllate le luci posteriori, le luci targa, gli indicatori di direzione e le luci di arresto.
  • Controllate il funzionamento delle luci anteriori di posizione, delle luci anabaglianti e delle luci abbaglianti.
  • Controllate lo stato delle spazzole tergicristalli, che non siano rotte e il funzionamento delle spazzole stesse.
  • Controllate che i specchietti retrovisori non siano rotti.
  • Controllate se il parabrezza e i vetri in generale non siano rotti.
  • Controllate che non vi siano segni evidenti di corrosione passante.
  • Accertatevi di avete la ruota di scorta, il crick, la chiave delle ruote e il triangolo di emergenza.

Revisione

Immettiamo nel sistema i dati ambientali link18. come temperatura, umidità, pressione atmosferica e velocità del vento poi si passa ad eseguire la prima prova strumentale che è la prova fonometrica del segnalatore acustico, la prova comincia con la registrazione del rumore di fondo ovvero il rumore dello stabile con la vettura spenta, poi si posiziona il fonometro a una distanza di 7 metri e si attiva l'avvisatore acustico, il suono deve risultare maggiore o uguale a 93 dB. Si passa poi a misurare la rumorosità della vettura ovvero quanto rumore emette il tubo di scarico. La prova link13. consiste nell'accellerare la vettura alcune volte e portarlo al numero di giri riportato sul libretto, la media delle accelerate link19. non deve superare il limite scritto sul libretto link10. . Conclusa questa procedura si inizia la prova dei gas di scarico link14., si va a misurare il livello di CO che si emette nello scarico, questo limite varia a seconda dell'età della vettura o se è provvista di marmitta catalitica o meno link20. possiamo dire che per le vetture immatricolate prima del 01/10/1986 il limite del COcorr <= 4.5 %Vol. per le vetture immatricolate dal 01/10/1986 il limite del Cocorr. <=3.5%Vol. per le auto dotate di marmitta catalitica si effettuano due prove: La misurazione al minimo il limite del COcorr. è di <=0.5%Vol. a 2000 - 2500 g/min. il limite del COcorr. <0.3%Vol. e il rapporto Lambda delle essere compreso tra 0.97 e 1.03 . Per i motori diesel si usa l'opacimetro che rivela tramite una serie di accelerate la quantità e la qualità delle emisioni. Per i limiti delle emissioni viene usato il valore riportato sulle targhette che si trovano all'interno del vano motore o in assenza di esse viene stabilito in:

  • Motore diesel aspirato K<=2.5 m-1 .
  • Motore diesel con turbocompressore K<=3.0 m-1.

Check List

Purtroppo qui si può far ben poco per controllare l'efficienza della vettura se non con le attrezzature delle officine, quello che possiamo fare è controllare:

  • Se il clacson suoni sempre con un suono pieno senza gracchiare o variazioni di tono.
  • Controllare se il tubo di scarico non faccia un rumore anomalo o si avvertono delle perdite di gas quando si accellera, purtroppo questa è una prova soggettiva mentre la prova con il fonometro è oggettiva, si potrebbe prendere uno straccio bagnato e, con la vettura fredda e al minimo, tappare con lo straccio in una mano il tubo di scarico, si deve sentire la pressione dei gas che cercano di uscire, se ciò non avviene vuol dire che i gas di scarico escono da qualche buco nella marmitta.
  • Nei motori diesel si può controllare se durante delle accellerate non si produca delle nuvole nere allo scarico o una fumosità anormale.

Revisione

Dopo la prova dei gas di scarico si passa al controllo dell'intensità link16. delle luci dei fari anteriori, quest'ultime, oltre ad essere funzionanti e ben orientate, devono avere una luminosità che non può essere inferiore a 3750 lux e non superiore ai 90000 (>= 3750 lux e <= 90000 lux) per gli anabbaglianti mentre per gli abbaglianti la luminosità deve essere superiore a 20000 lux e non superiore a 150000 lux (>=20000 lux e <= 150000 lux), queste intensità non vengono raggiunte se i fari hanno le parabole opache, arrugginite o se i fari non sono ben orientati.

Check List

Anche qua l'ideale è far controllare la vettura a un'elettrauto o in officina, se un'utente però vuole vedere se i fari non abbiamo dei problemi molto evidenti procedete in questo modo:

  • Controllare la pressione delle gomme.
  • Pulite bene i vetri dei fari con un panno in modo da eliminare lo sporco e i moscerini.
  • Se la vettura è provvista di regolazione interna dell'altezza delle luci, posizionare la manopola su "0".
  • Trovare un muro e posizionare la vettura a una distanza di 10 m. dal muro stesso.
  • Misurare con un metro l'altezza del centro del faro dal pavimento.
  • Con gli anabbaglianti inseriti controllare che la linea orizzontale del fascio luminoso sul muro si trovi a un'altezza di 9/10 della misura del centro faro link12. e controllare che tutti e due i fari si trovino alla stessa altezza. In questo modo già si nota se un fanale è spostato rispetto all'altro.
  • Le luci anabbaglianti hanno il fascio luminoso asimmetrico link15. cioè la linea del fascio luminoso cerca di illuminare più in alto dalla parte destra della strada e ha un taglio orizzontale nella restante parte per non abbagliare gli automobilisti che sovraggiungono dalla parte opposta. Se si mette un foglio di carta davanti al fanale con gli anabaglianti accesi si nota questa caratteristica, se questo non avviene può significare che la lampadina è stata montata capovolta.

Revisione

Tocca adesso ai freni, il veicolo viene fatto passare sulla pesa che registra il peso gravante sull'asse anteriore e subito dopo viene fatto avanzare sui rulli dove si controlla il residuo di frenata (se una ruota rimane frenata), la frenata sull'asse anteriore e contemporaneamente lo sforzo che l'operatore applica al pedale per la frenata (pedometro). Si va avanti e si pesa l'asse posteriore e subito dopo si avanza collocando la vettura sui rulli e si controlla residuo di frenata e frenata dell'asse posteriore sempre con il pedometro a bordo, dopodichè nello stesso modo si controlla il freno di stazionamento. I limiti sono:

  • Uno squilibrio tra ruota destra e ruota sinistra che non deve superare il 30% (<= 30%)
  • Un'efficienza frenante totale superiore o uguale al 50% (>=50%) tenendo presente il peso della vettura e la forza frenante.
  • Un'efficienza frenante del freno di soccorso superiore o uguale al 25% (>=25%).
  • Efficienza del freno di stazionamento maggiore del 15% (>=15%).
  • Squilibrio tra ruota destra e ruota sinistra per il freno di stazionamento che è minore del 50% (<= 50%).

Check List

Anche qua senza l'aiuto di un meccanico si può fare ben poco, per vedere se non ci sono dei problemi macroscopici ai freni si può fare la prova che si faceva in motorizzazione una volta:

  • Si trova un piazzale dove non si corrono pericoli nè per le persone nè per le vetture.
  • Si lancia la vettura a 10-20 Km/h e si frena bruscamente con tutta la forza.
  • Scendere senza spostare la vettura e controllare se il punto di bloccaggio delle ruote anteriori sono uguali, ovvero, se le strisce nere delle gomme partono nello stesso istante, controllare nello stesso modo le ruote posteriori.
  • Fare la stessa prova a 10 Km/h usando solo il freno a mano, controllare se le ruote frenano allo stesso istante.

Questa procedura va bene per le vetture che non hanno l'ABS, per quelli che hanno il sistema antibloccaggio questa prova non dà risultati perchè l'ABS evita il bloccaggio delle ruote.

Revisione

Si va verso il termine della procedura di revisione ossia la prova giochi. Si mette la vettura su un ponte dotata di piattelli prova giochi e azionando un sistema idraulico si simulano le forze che agiscono sulle ruote e sulle sospensioni, in più viene visionata la scocca della vettura per vedere se non ci sono perdite rilevanti di benzina, olio, acqua oppure corrosione passante nei lamierati.

Check List

Pure per i giochi sospensioni o sterzo empiricamente si può fare poco, si può solo controllare durante la guida in una strada secondaria (molto meglio se è accidentata) se non si sentano rumori strani tipo colpi provenire dalle sospensioni, oppure con la vettura ferma fare il gioco dello sterzo e controllare che non superi 2 cm sulla circonferenza del volante o se facendo oscillare il volante con una mano 1/4 di giro da destra a 1/4 di giro a sinistra non si sentano rumori sulle sospensioni.

Revisione

Tutte le prove eseguite vengono raccolte sul pc-stazione che analizza i dati ed emette un responso positivo o negativo,sempre per via telematica i dati vengono trasmessi al pc centrale che è collegato con la Motorizzazione di Roma dove si stampano le targhette adesive che vengono incollate sul libretto. Quanto detto fin quì non sostituisce il controllo fatto da personale specializzato e con attrezzature adeguate, ma si pone come obiettivo quello di aumentare le conoscenze di base del singolo utente. Ogni giorno nel nostro centro transitano auto che rispecchiano le varie tipologie di cliente, dal cliente che delega il meccanico di fiducia il compito di assolvere all'iter della revisione periodica, al cliente che viaggia con la revisione scaduta, al cliente che arriva al centro non conoscendo le prove a cui verrà sottoposto la vettura e che si presenta all'appuntamento con luci non funzionanti, fari rotti o con quattro pneumatici diversi o che non riesce a comprendere perchè non avere un "para-urti" può esssere considerato un problema. Mi sono detto, è vero che il tenore di CO non può essere controllato dal cliente, è vero anche che il numero di lux non può essere misurato a casa, l'efficienza frenante non si riesce a calcolare, ma se hai un pneumatico usurato penso che si riesca a vedere,  leggere il libretto di circolazione credo si possa imparare, su un muro vedere se i fari illuminano alla stessa altezza credo si riesca a capire.

Ho intenzione di aggiornare spesso questo post aggiungendo man mano spiegazioni e particolari che riescano a far comprendere meglio la materia, quindi non lo ritengo chiuso ma diciamo in fase di "revisione".

Moduli per la dichiarazione di consenso al trattamento dei dati personali.

Dichiarazione di consenso (persone fisiche)

Dichiarazione di consenso (società)

Moduli per la delega nel caso in cui l'autovettura non viene portata a revisione dal proprietario.

Dichiarazione sostitutiva di atto notorio (persone fisiche)

Dichiarazione sostitutiva di atto notorio (società)

Argomenti correlati:

Se viaggio con la revisone scaduta?

Classificazione euro per auto e moto.

Come controllare se l'auto è da revisionare.

Circolare 88/95 del 22/05/1995

Circolare 88 del 22/05/1995: D.M. 23/10/1996 n. 628.

Dove leggere il numero di telaio.

Dove si trova il numero di telaio?

Promemoria revisioni

41 pensieri su “Cosa si controlla durante la revisione?

  1. en_ry

    Salve Daniele, credo proprio di si, i fanali devono essere integri, senza parti mancanti.

    Saluti En_ry 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.